DOCENTI

Mario Ciaramitaro José Pedro Cortes Antonello Frongia Francesco Garutti Tommaso Gentile Kersten Geers Antonio Giusa Stefano Graziani Roberto Grossa Mario Govino William Guerrieri Guido Guidi Michele Lazzarini Armin Linke Angelo Maggi Mario Lupano Carmelo Marabello Amedeo Martegani Angela Mengoni Stefano Munarin Margherita Naim Manuel Orazi Andrea Pertoldeo Teresa Piardi Bas Princen Filippo Romano Carlo Sala Giovanna Silva Angela Vettese

Didattica

Gli iscritti al Master IUAV in Photography seguono corsi di carattere teorico e laboratoriale in cui i singoli insegnamenti costituiscono la piattaforma di lavoro per realizzare una serie di progetti che li accompagnerà durante l’intero percorso formativo. Dopo una prima fase di ideazione e di raccolta di idee e suggestioni, ogni studente formula un progetto fotografico che ha come tema centrale il paesaggio declinato in chiave contemporanea, analizzando la visione del territorio, la presenza antropica e la sua percezione. Il progetto, da realizzare in forma di libro o di mostra, è sviluppato con il supporto dei docenti e mediante il dialogo con ospiti esterni (fotografi, curatori e studiosi) durante gli “Show and Tell”, momenti di dibattito, confronto e riflessione partecipata. A questo si aggiunge la formazione specifica fornita da tirocini presso istituzioni, studi professionali e realtà indipendenti. Agli studenti viene prospettato così un percorso formativo che affianca alle competenze tecnico-formali la consapevolezza critica e teorica circa l’elaborato da loro realizzato. Tutti i lavori prodotti dai partecipanti diventano parte dell’archivio di Master IUAV in Photography, creando così una raccolta collettiva su temi, urgenze e interrogativi della fotografia contemporanea.

 

STRUMENTI

I corsi analizzano sotto molteplici aspetti le caratteristiche del linguaggio fotografico al fine di fornire agli studenti stru­menti e competenze necessarie per la creazione e lo sviluppo di progetti autonomi. Le lezioni di Andrea Pertoldeo presentano un’introduzione alle nozioni tecniche di base della fotografia ed affrontano tematiche quali il corretto utilizzo dalla strumentazione di ripresa, le diverse apparecchiature tecniche, la fotografia analogica e digitale, la postproduzione ed elaborazione in camera chiara ed Adobe Lightroom. Michele Lazzarini analizza le modalità di ottimizzazione ed editing dell’immagine approfondendo l’utilizzo di Adobe Photoshop. Roberto Grossa propone diverse modalità di proiezione dell’immagine a partire da supporti analogici attraverso una serie di esercitazioni pratiche.

STORIE E TEORIE

I corsi forniscono informazioni e approfondimenti relativi ad alcune tappe essenziali nella storia della fotografia. Angela Vettese presenta un excursus delle sperimentazioni fotografiche dalle avanguardie storiche fino alle più importanti ricerche visive nel panorama fotografico contemporaneo. William Guerrieri, direttore di Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea, analizza le dinamiche di committenza fotografica. Mario Lupano illustra varie ricerche legate alla fotografia quale fenomeno socio-culturale. Carlo Sala analizza i diversi linguaggi della fotografia contemporanea grazie anche al contributo di numerosi ospiti. Antonello Frongia approfondisce alcuni periodi e autori significativi in relazione con il più ampio scenario socio-culturale. Guido Guidi presenta le sue ricerche ed i progetti sviluppati nel corso della sua decennale carriera. Grazie alle competenze acquisite nel corso delle lezioni gli studenti sviluppano una grammatica di base necessaria alla creazione di un linguaggio fotografico autonomo.

LABORATORIO DI GRAMMATICA DELLA FOTOGRAFIA

Il primo laboratorio di fotografia tenuto da Andrea Pertoldeo affronta gli elementi essenziali che compongono la grammatica del medium fotografico. Nella prima sessione di “Show and Tell” Stefano Munarin analizza i lavori degli studenti nel laboratorio. Nel corso di questo modulo le competenze tecniche analizzate in precedenza vengono unite alla capacità di lettura dei vari contesti di produzione e diffusione dell’immagine fotografica. Gli studenti sono incoraggiati a sviluppare riflessioni critiche in relazione ad una vasta gamma di produzione fotografica ed alle relative tematiche affrontate. Grazie al confronto diretto e ai seminari, i corsi sviluppano la discussione di gruppo, l’analisi di punti di vista critici e la capacità degli studenti di valutare e progredire nella pratica in relazione alla competenza teorica acquisita.

 
LABORATORI DI FOTOGRAFIA

I laboratori di fotografia propongono esercitazioni finalizzate all’apprendimento dei diversi aspetti della professione ed alla produzione di un portfolio caratterizzante. Attraverso lezioni seminariali e laboratori sul campo della durata di due settimane ciascuno, Filippo Romano, Stefano Graziani e Bas Princen affrontano assieme agli studenti le tematiche introdotte nella prima parte del master attraverso esplorazioni di aree particolarmente significative della città di Venezia e della sua laguna. Ad integrazione del modulo, Armin Linke propone la realizzazione di un “Instant Project”, che ha come esito la produzione di un libro fotografico. Nel corso dei laboratori vengono definiti i concetti chiave necessari allo sviluppo dei progetti individuali e dell’elaborato finale; i docenti analizzano i lavori realizzati dagli studenti durante i laboratori o facenti parte di una ricerca pregressa, considerando dal punto di vista tecnico, teorico e pratico l’ideazione, la realizzazione ed il completamento dei vari progetti. Il confronto e l’analisi diretta delle immagini attraverso il filtro critico dei vari docenti offre agli studenti l’opportunità di sviluppare le capacità analitiche e l’apporto critico necessario alla presentazione di una proposta di elaborato finale del master, tenendo in considerazione la tipologia di destinazione dello stesso (mostra, pubblicazione cartacea o digitale). Attraverso la lettura e l’analisi delle fotografie, la sessione di “Show and Tell 2” tenuta da Kersten Geers costruisce una riflessione critica sui progetti realizzati nel corso dei vari laboratori e conduce alla consolidazione di un linguaggio visivo autonomo.

LABORATORIO DI ARTE

Amedeo Martegani riflette sulla produzione di una ricerca artistica veicolata attraverso il medium fotografico e video; al termine del laboratorio i lavori prodotti saranno analizzati nel corso dello “Show and Tell 3” di Francesco Garutti. Carlo Sala conclude del ciclo di incontri “Storie di Fotografia”.

GRAFICA EDITORIALE E CURATELA

Nella fase conclusiva del master gli studenti portano a compimento un progetto individuale a partire dai percorsi di ricerca sviluppati nel corso dell’anno di studio, dimostrando di aver acquisito una comprensione critica degli strumenti all’interno del contesto culturale e professionale e di aver sviluppato un linguaggio autonomo. L’elaborato finale è presentato durante la mostra di fine corso e deve essere concepito ai fini di una possibile pubblicazione. Per questo fine le lezioni di Giovanna Silva sono volte ad esplorare la curatela di progetti editoriali e di pubblicazioni di progetti fotografici, mentre Francesco Zanot affronta il tema dell’allestimento e curatela di mostre ed esposizioni fotografiche. Al termine del percorso formativo gli studenti sono in grado di operare in autonomia nei diversi ambiti della fotografia contemporanea, utilizzando molteplici linguaggi e tecniche di produzione e presentazione – dalla mostra al libro fotografico – oggi indispensabili in rapporto all’esercizio della professione.