DOCENTI

Mario Ciaramitaro José Pedro Cortes Federico Covre Antonello Frongia Tommaso Gentile Antonio Giusa Stefano Graziani Roberto Grossa Mario Govino William Guerrieri Guido Guidi Michele Lazzarini Armin Linke Angelo Maggi Mario Lupano Carmelo Marabello Amedeo Martegani Angela Mengoni Stefano Munarin Margherita Naim Manuel Orazi Francesco Paleari Andrea Pertoldeo Teresa Piardi Bas Princen Filippo Romano Carlo Sala Giovanna Silva Angela Vettese

Guido Guidi

STORIE E TEORIE — Fondamenti di fotografia

Guido Guidi (1941) è un fotografo italiano. Nel 1959 si iscrive allo IUAV di Venezia e successivamente al Corso Superiore in Disegno industriale seguendo i corsi di Bruno Zevi, Carlo Scarpa, Luigi Veronesi e Italo Zannier. Influenzato dal Neorealismo e dall’Arte Concettuale indirizza la propria attenzione sugli spazi marginali e antispettacolari del paesaggio Italiano, registrandoli nelle lastre dalla macchina a banco ottico 20×25. A partire dal 1980 viene chiamato a partecipare a progetti di ricerca sulla trasformazione della città e del territorio, fra cui l’Archivio dello Spazio  della Provincia di Milano (1991), le indagini sull’edilizia pubblica dell’Ina-Casa (1999) e quelle per Atlante Italiano 003 (a cura della Direzione Generale per l’Architettura e l’Arte Contemporanea – DARC, 2003). Fra il 1993 e il 1996 documenta la nuova urbanizzazione sviluppatasi dopo la caduta del Muro di Berlino lungo il tracciato dell’antico asse viario tra la Russia e Santiago di Compostela, pubblicando questa ricerca nel 2003 in un libro dal titolo In Between Cities. Allo stesso tempo indaga la vita e la morte del Movimento Moderno sviluppando progetti sulle opere di Carlo Scarpa, Ludwig Mies van der Rohe e Le Corbusier, promossi e pubblicati dal Canadian Center of Architecture (CCA) di Montréal. Espone nelle principali rassegne e musei italiani e internazionali – tra cui il Fotomuseum di Winterthur, il Guggenheim, il Withney Museum di New York, il Centre Pompidou di Parigi e la Biennale di Venezia. Particolarmente significativo il suo impegno nell’ambito della didattica: dal 1986 viene invitato a tenere laboratori, lezioni e seminari in diverse università italiane, fra cui lo IUAV di Venezia, il Politecnico di Milano, le Facoltà di Lettere e Filosofia delle Università di Venezia, di Lecce, di Bari e della Cattolica di Milano, e in diverse istituzioni pubbliche e private italiane.